a piazza barberini un po’ più giù dello scalone

incredibile.  cercando su google il testo della popolare canzoncina goliardica non si trova niente.

rimedio subito, per quanto mi ricordo.

a piazza barberini

un po’ più giù dello scalone

sotto l’ombra di un portone

na cagata me metto a fà.

me s’avvicina uno

vestito da borghese

col cappello a tirolese

e me se mette a fa’:

nome, cognome

non faccia lo screanzato

io sono un delegato

delle guardie di città.

e a me che me ne frega

che tu sei un delegato

io sono uno studente

dell’università

e qui, ahimè, i miei ricordi terminano.  qualcuno sa continuarla?  mi pare si parli di dita infilate a forza nell’orifizio anale (della guardia), ma non ricordo altro.

Annunci

1 comment so far

  1. Fulvio on

    io me ricordo er pezzo finale che all’incirca faceva così:
    me sbattono in prigione tra cimici e pidocchi
    che se mettono a fa a cazzotti con le guardie di città
    uccelli e uccelletti nun cagate sopra i tetti
    ma cagate nei berreti delle guardie di città
    A mezzogiorno in punto me portan na pagnotta mezza cruda e mezza cotta de sti figli de na mignotta
    a mezzanotte in punto me portan na banana mezza cruda e mezza marcia de sti figli de na puttana
    All’una se aprono le porte e io me metto a giocà


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: